«Da quando vivo in Messico sono più svizzero che mai»

Il numero degli svizzeri all’estero supera per la prima volta la soglia delle 800 000 unità e per abitanti affianca ora il terzo maggior Cantone del Paese, il Vaud. swissinfo.ch si rivolge a tutti coloro che vivono lontano, e informa sugli eventi della Berna federale e sull’attualità elvetica. 

All’età di 27 anni Hans Broder ha fatto le valigie. È stata la sua sete di avventura a spingerlo in America latina. La sua storia si legge come un romanzo di successo.  Da studente senza progetti concreti fonda l’associazione svizzera in Messico. Grazie a questa comunità entra in contatto con la ditta svizzera Glice, per la quale oggi, ormai trentacinquenne, vende piste di ghiaccio artificiale in tutta l’America latina.  

Dal 2021 Broder rappresenta le/i 5500 svizzere/i in residenti in Messico presso il Consiglio degli Svizzeri all’estero e come tale è il loro portavoce a Berna. «Da quando vivo in Messico sono più svizzero che mai», afferma. 

«
«È fantastico che grazie a questa piattaforma anche le/gli svizzere/i all’estero della seconda e terza generazione possano mantenere un legame con la Svizzera.»»
Hans Broder, delegato del Consiglio degli svizzeri all’estero

Ha molto a cuore la madrepatria e si informa sugli avvenimenti nel Paese tramite Swissinfo: «È fantastico che grazie a questa piattaforma anche le/gli svizzere/i all’estero della seconda e terza generazione possano mantenere un legame con la Svizzera. Gli articoli stuzzicano l’interesse per il proprio Paese d’origine visto che includono anche la prospettiva esterna.» 

Mai prima d’ora si sono contati così tanti svizzeri all’estero: per numero di abitanti la «Quinta Svizzera» sarà presto il terzo «Cantone». Per la prima volta in assoluto oltre 800 000 persone sono registrate presso una rappresentanza svizzera all’estero. L’Europa rimane la meta preferita, ma sempre più svizzeri scelgono l’Asia come patria d’adozione. (Fonte: SWI swissinfo.ch)

Image

Statistica degli svizzeri all’estero 2022

Hans Broder è uno dei circa 800 000 svizzeri/e residenti all’estero, cui si aggiungono le 30 000 persone che ogni anno fanno le valige e lasciano il Paese. La cifra corrisponde al 10% della popolazione nazionale. La «Quinta Svizzera» non solo fa parte della nostra democrazia, ma vivacizza il dibattito interno grazie alla diversità dei punti di vista, come fa Hans Broder in qualità di delegato del Consiglio degli svizzeri all’estero. Uno dei motivi che ne fa un consumatore abituale dell’offerta di swissinfo.ch. 

Con l’Organizzazione degli Svizzeri all’estero (OSE) swissinfo.ch ha avviato una partnership strategica per garantire l’informazione e l’integrazione della Quinta Svizzera. In occasione della conferenza annuale dell’Organizzazione degli Svizzeri all’estero in Germania, nel 2022 il presidente Filippo Lombardi ha sottolineato che la crescente comunità degli Svizzeri all’estero deve essere percepita in ogni possibile forma: «Non basta che il primo di agosto il Presidente della Confederazione ripeta che ogni Svizzero all’estero è un ambasciatore della Svizzera.» (Fonte: SWI swissinfo.ch)

Per le svizzere e gli svizzeri all’estero swissinfo.ch offre anche l’accesso ad un giornalismo di qualità in quei Paesi dove la libertà di stampa è limitata. La censura messa ad esempio in atto dopo lo scoppio della guerra in Ucraina ha ostacolato l’informazione della gente in Russia, e per molti la piattaforma è diventata la nuova fonte d’informazione.  

SWI swissinfo.ch

SWI swissinfo.ch è un’azienda della SSR che fornisce un importante contributo alla democrazia elvetica. Il servizio online a diffusione internazionale propone alle svizzere e agli svizzeri all’estero e a un pubblico interessato alla Svizzera notizie in dieci lingue.

Ente fondato con il nome di Servizio svizzero delle onde corte durante la Seconda guerra mondiale, una ventina di anni fa quella che era nota come «Radio Svizzera Internazionale» si è trasformata in un pioniere di Internet, grazie anche a TVSvizzera.it e alla cooperazione con TV5Monde e 3sat. Nell’ambito del mandato di servizio pubblico della SSR il Consiglio federale ha prorogato anche il mandato sull’offerta all’estero fino al 2024. 

Qui vai al dossier «La Quinta Svizzera» del servizio SWI swissinfo.ch di SSR. L’offerta è disponibile in sei lingue. 

Francesca Guicciardi, giugno 2023

Un libro per l'infanzia contro le fake news

Nel quadro del programma di apprendimento «myidea» le allieve e gli allievi di scuola professionale sviluppano le loro idee di business. Al concorso «My Challenge» di Olten viene assegnato per la prima volta un premio per il miglior progetto di lotta alle fake news, che gode del sostegno della SSR.

Fondazione di un'organizzazione mantello per promuovere la competenza mediatica

Attività di networking e informazioni, offerte formative, eventi nonché ricerca in ambito mediatico e studi: in tempi di crescente disinformazione, la SSR, l’associazione Verlegerverband SCHWEIZER MEDIEN e Keystone-ATS hanno deciso di unire le proprie forze per promuovere la competenza mediatica sul territorio elvetico, in collaborazione con la fondazione Mercator. Sotto l’egida di UseTheNews hanno raggruppato numerosi progetti e iniziative, fornendo così il loro contributo al rafforzamento della democrazia.

«Consumiamo quello che ci propina l'algoritmo»

Puntiamo i fari sulla competenza mediatica dei giovani adulti. Come si orientano nella giungla di notizie sciorinate da Instagram & Co.? In tutto questo, quale ruolo assume la SSR? Fiona Fehlmann ha concluso una ricerca al riguardo, e ci spiega l'importanza dei contenuti SSR segnatamente in tempi di crisi.